domenica 13 ottobre 2013

Biscotti tipici siciliani (senza latte) ripieni di marmellata di mele cotogne

Questi biscottini senza nome fanno parte della tradizione sicula, sono i biscotti delle nonne e delle zie, quelli che, durante la mia infanzia, non mancavano mai durante le feste, Natale in primis.  Dato che ottobre è il mese giusto per fare la marmellata di mele cotogne (qui la ricetta), il Natale era la prima festa utile per utilizzarla. Tradizionalmente venivano fatti rotondi (usando le tazzine da caffè o i bicchieri di vetro come tagliabiscotti) oppure a mezzaluna, ma ognuno può usare la forma che preferisce!
Questa è la mia prima volta con lo strutto, perchè, come saprete già - quando posso - scelgo ingredienti di origine vegetale ma in questo caso (dato che non contiene proteine del latte) ho voluto riprodurre la ricetta così come mi era stata data, senza cambiare una virgola. Non serve che mi dilunghi ulteriormente per introdurre questi biscotti, serve soltanto che li assaggiate e spero di avervi incuriosito al punto da farvi prendere formine e mattarello! L'impasto è friabile e leggermente croccante, davvero eccezionale. Le dosi sono per circa 6 teglie di biscotti e considerate che vi terranno impegnati per almeno 3 ore! Munitevi anche di tanta marmellata - a me ne sono serviti circa 800 g - e di almeno 3 contenitori che vi serviranno per conservare i biscotti. 
Trovo che siano ideali per colazione o merenda, da accompagnare a una tazza fumante di tè alla cannella o del gusto che più preferite! Vi lascio alla preparazione e non dimenticate di farmi sapere se vi sono piaciuti!

Ingredienti:
500 g farina OO 
500g farina semola di grano duro Molino Chiavazza
350 g di strutto (non contiene proteine del latte)
300 g zucchero
6 uova medie
16 g di lievito
1/2 cucchiaino da caffè di cannella
la buccia grattugiata di 2 limoni bio
marmellata bio di mele cotogne home made (qui la ricetta) 
Preparazione:
Ho mescolato tutti gli ingredienti, ho lavorato l'impasto fino a ottenere una palla soda e ho ricavato i miei biscottini. Ricordatevi di infarinare bene il piano di lavoro in maniera tale da fare scivolare il mattarello quando tirate la pasta a sfoglia. Ho fatto biscotti di diverse forme e grandezza, rotondi, a forma di fiorel e alcuni molto grandi. Ovviamente più sarà sottile la vostra sfoglia, maggiore sarà la quantità di marmellata che riuscirete a mettere. Ho ricavato tante forme fin quando è finita la pasta, ho messo un cucchiaino di marmellata al centro di ciascuna forma e ho chiuso coprendo il biscotto con un'altra formina della stessa grandezza. Ricordatevi di chiudere bene il biscottino picchiettando con le punte delle dita per evitare fuoriuscite di marmellata durante la cottura.
Dato che per chiudere il biscotto può capitare che la pasta si allarghi troppo e che quindi la forma - nel caso specifico della forma a fiore - diventi un pò più bruttina, a biscotto chiuso, potete ripassare ulteriormente la formina, questo servirà a ridare una bella forma al biscotto ed eliminare la pasta in eccesso!
Ho infornato in forno preriscaldato a 180 gradi per 20 minuti o fin quando il biscotto sarà dorato e ho poi fat raffreddare sulla gratella.











e infine lui .. che, impastando impastando, si è mangiato un paio di biscotti a crudo e si è riempito della  farina eccedente facendomi divertire come non mai! .. tanto poi pulisco io!!!! ;)












Questa ricetta partecipa al contest "I biscotti della tradizione" indetto dal Molino Chiavazza

23 commenti:

  1. eh eh io la pasta cruda la mangio ancora adesso! come si fa a resistere! non li conoscevo questi biscotti!

    RispondiElimina
  2. Sembrano davvero deliziosi non c'è che dire!!! Perfetti per la colazione o la merenda!! uno tira l'altro.. per fortuna che da quanto leggo ne escono molti!! ;)

    RispondiElimina
  3. Lo strutto da una friabilità incredibile ai biscotti e usato negli impasti tipo le piadine rende tutto più croccantello, insomma usarlo, in alcune ricette, ha un suo perché. E' molto usato anche nelle ricette sarde, io lo trovo utile e diverso dal burro, per di più per questi tuoi biscottini così belli e sicuramente super golosi con quel bel ripieno, credo che lo strutto renda l'esterno più IN.

    RispondiElimina
  4. Cara Serena ti faccio i miei migliori complimenti per questa splendida ricetta..parecchie ricette relative ai biscotti legate alla tradizione siciliana (ma anche sarda) prevedono la presenza dello strutto...il risultato che conferisce a queste preparazioni è favoloso:)) anch'io preparo dei biscotti simili ai tuoi, prevedono sempre lo strutto vengono realizzati con la formina apposita per i ravioli e riempiti con la marmellata..sono buonissimi.....la tua versione è simile ma la voglio provare in quanto vi è qualche differenza (l'utilizzo della farina di semola rimacinata insieme a a quella 00 e la presenza della cannella che adoro, insieme alla scorza grattugiata del limone...) sicuramente la proverò quanto prima, poi ti farò sapere:)) è sicuramente favolosa e buonissima:))
    Un bacione e buona domenica!!!
    Rosa

    RispondiElimina
  5. I miei occhi, nello scorrere, dicevano "aprine uno, aprine uno"... E' il mio debole ^_^ E visto aperto ho avuto la conferma: DELIZIOSI!!!!!! Bravissima!

    RispondiElimina
  6. Now this I’ll gladly eat any day.

    RispondiElimina
  7. Anche i nonni paterni di Maria fanno la cotognata e Maria ne è ghiotta, quindi posso immaginare quanto siano buoni questi biscotti, gnammmm!!!

    RispondiElimina
  8. hai fatto fare a quella confettura davvero una fine strepitosa....che delizie!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Che bell'aspetto che hanno questi biscotti...che sono farciti con una delle mie marmellate preferite..quella che più di tutte mi ricorda la mia infanzia :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Che meraviglia dei pasticcini senza latte!!!! ^___^
    Fantasy Jewellery

    RispondiElimina
  11. Io adoro le mele cotogne..e questo tipo di biscotti col ripieno... mi sa proprio che devo provarli! :)

    RispondiElimina
  12. Biscotti buonissimi. Con lo strutto, che anche noi in Calabria usiamo tanto, i dolci si mantengono morbidi più a lungo.

    RispondiElimina
  13. che belli e che buoni :)
    passa a dare un occhiata a miei nuovi bijoux :)
    http://idolcibijoux92.blogspot.it/

    RispondiElimina
  14. che spettacolo il tuo blog! da oggi mi associo ai tuoi lettori :)
    complimenti e buona serata

    RispondiElimina
  15. Ciao,
    grazie per la visita, partecipo anche io al questo contest, allora che vinca il più buono....
    mi sono aggiunta ai tuoi lettori, così non mi perdo le tue ricette...
    Ciao a presto Katia

    RispondiElimina
  16. senza latte!!!! Sono per me! da provare... grazie!
    :-)
    Flora

    RispondiElimina
  17. Devono essere meravigliosi!!!
    Ho della marmellata di cotogne fatta da me da consumare quindi li proverò prestissimo!!
    Un abbraccio e a presto
    Carmen

    RispondiElimina
  18. Complimenti per il blog, per le ricette e per le foto, sei bravissima.
    Io sono nuova del settore, ho aperto un blog da pochissimi giorni e mi piacerebbe invitarti e avere un tuo parere.
    Questo è il link, grazie mille.
    http://lacambusadidalila.blogspot.it/

    RispondiElimina
  19. Sono buonissimi questi biscotti. Ne mangerò un sacco!!!!!!!!

    RispondiElimina
  20. Fin da bambino, trovo che la marmellata di mele cotogne sia fantastica, soprattutto per le ricette dolci integrali come il dolce minuetto che si fa anche con i chiodi di garofano e l'orzo intero. Di solito non scrivo di queste cose, però questte confetture mi fanno davvero tornare con la mente a quei ricordi d'infanzia lontani, mai dimenticati.

    RispondiElimina
  21. Fin da bambino, trovo che la marmellata di mele cotogne sia fantastica, soprattutto per le ricette dolci integrali come il dolce minuetto che si fa anche con i chiodi di garofano e l'orzo intero. Di solito non scrivo di queste cose, però questte confetture mi fanno davvero tornare con la mente a quei ricordi d'infanzia lontani, mai dimenticati.

    RispondiElimina

Se hai provato a realizzare una mia ricetta o vorresti provarla, aggiungi un commento o chiedimi un consiglio. Anche semplicemente un saluto, mi renderà felice e arricchirà il mio blog.